STORIA DEL GHETTO


A tutti è noto che in Ceneda, oggi frazione di Vittorio Veneto, esisteva una comunità ebraica fin dal 1597, durata circa quattrocento anni. Del piccolo insediamento ebraico rimangono oggi alcune testimonianze, le case che componevano in ghetto, il cimitero e i magazzini dei cereali fatti costruire nel 1771. Proprio questi ultimi versano oggi in uno stato di abbandono tale da non consentire nemmeno le visite per pericolo di crollo. In altre parole, se non si interviene a breve, un altro elemento di storia ebraica legata a Vittorio Veneto sparirà per sempre. L’edificio invece potrebbe rinascere a nuova vita, sempre mantenendo l’essenza originaria di appartenenza all’ex ghetto. Un gruppo di sostenitori si sta prodigando per realizzare un progetto: ciò che sembra più sostenibile è la sua dedicazione alla musica, per l’insegnamento e l’ascolto, per il canto e per la danza; con sale per lo studio e un auditorium modulare per numero di posti. A completamento del progetto si propone la creazione di una foresteria ed inoltre un centro per la ricerca in ambito enologico, serico ed anche ecologista, collegato con i più importanti centri di ricerca mondiali. Il progetto proposto è per ora un’idea, per cominciare a parlare di ristrutturazione e rinascita e servirà a cercare coraggiosi finanziatori pronti ad investire nell’ex ghetto di Vittorio Veneto, per restituire alla città e a tutti un gioiello, trasformato in un nuovo contenitore colmo di vitalità.

Chiunque sia nelle condizioni di proporre un modello attuabile e il relativo finanziamento, può scrivere al seguente indirizzo email: info@ghettovittorioveneto.it

Progetto sostenuto da: Associazione Zheneda, Circolo Vittoriese di Ricerche Storiche, Università per la formazione cuntinua “Ippolito Pinto”, Ensemble Salomone Rossi. PROGETTO PER IL RESTAURO E LA NUOVA DESTINAZIONE D’USO DEL COMPLESSO DENOMINATO “ex MAGAZZINI DEL GHETTO” Vittorio Veneto, Treviso


Contattaci: info@ghettovittorioveneto.it